Le donne sono troppo loquaci

domenica 25/06/2017

Testo pù grandeTesto più piccoloprint

Condividi su:

   
 
 
Le donne sono troppo loquaci

Ripetute interruzioni durante una riunione, difficoltà a farsi ascoltare, riluttanza a prendere la parola: sono esperienze comuni a molte donne nel mondo del lavoro. Un recente articolo dell’Economist cita i casi di una senatrice americana e di una scienziata, dove le registrazioni video mostrano chiaramente che le donne non riescono a finire una domanda o un discorso a causa delle incessanti sovrapposizioni dei colleghi uomini[1].

Le donne si perdono in chiacchere? Questo assunto, per quanto diffuso, non trova riscontro nei dati; il numero di parole pronunciate in un giorno da persone dei due sessi (circa 16mila) è statisticamente indistinguibile; le differenze tra persone loquaci e taciturne sono più spiccate (da 50 mila parole al giorno a poche migliaia) che non quelle tra donne e uomini.

C’è una differenza di percezione. Chi ascolta la lettura di un brano, tende a considerarlo più lungo quando è letto da una voce femminile. Nelle conversazioni, questa percezione sembra avere un riscontro oggettivo, in quanto - a parità di parole - gli uomini fanno meno interventi, di maggior durata, mentre le donne intervengono spesso, con frasi brevi, a volte semplici conferme di ascolto e dimostrazioni di interesse.

In questa prospettiva, se gli uomini cercano di stabilire una gerarchia, mentre le donne mirano a creare collaborazione, i primi saranno portati a interpretare l’atteggiamento femminile come un gesto di sottomissione. Tuttavia, l’articolo riporta i risultati di ricerche condotte su persone di culture non occidentali, dove i ruoli di genere nell’uso del linguaggio sono meno netti, e in alcuni casi ribaltati rispetto agli stereotipi occidentali come ad esempio nel caso della Papua Nuova Guinea, dove le donne imparano a reagire ed a contrattaccare con un linguaggio anche volgare ( il cd kros) i comportamenti scorretti.

luglio 2007-luglio 2017:
10 anni di storia della nostra associazione

Dopo le vacanze estive sono in programma eventi o approfondimenti per festeggiare questo importante traguardo, alcuni riservati alle socie ed altri che avremo il piacere di condividere con tutte.

Per settembre segnaliamo la presentazione del libro di Silvia Tassarotti il giorno 27

Con l’occasione proponiamo per ogni anno di attività un buon motivo per iscriversi, ovvero 10 ottime ragioni per diventare socie ADBI

Buone notizie

Una rubrica dedicata alle buone notizie e buone prassi, dedicata alle iniziative che aiutano a conciliare vita e lavoro, che combattono i comportamenti sessisti e discriminatori. Inviate anche voi notizie scrivendo a: webmaster@adbi-online.it

Valore D Pari o dispare Rete Armida