UE, aumentano le quote rosa in Parlamento. Ma l’uguaglianza è ancora lontana

martedì 28/03/2017

Testo pù grandeTesto più piccoloprint

Condividi su:

   
 
 
UE, aumentano le quote rosa in Parlamento. Ma l’uguaglianza è ancora lontana

Sin dal 1979, anno delle prime elezioni del Parlamento Europeo a suffragio universale diretto, la rappresentatività femminile ha subito un incremento positivo passando dal 16,6% al 37,6% odierno, con un miglioramento del 3% tra VII e VIII legislatura.

Sebbene questo dato sia più che mai favorevole, il quadro cambia se si considera il numero di donne che compone la popolazione europea (51,2%), dimostrando quanto la disparità partecipativa tra uomini e donne sia ancora predominante.

Anche all’interno stesso del Parlamento, le donne costituiscono più del 50% dello staff ma non raggiungono facilmente le cariche di vertice: la componente femminile agli alti livelli dirigenziali continua infatti ad essere esigua nonostante i continui obiettivi di miglioramento imposti dall’UE.  Inoltre solo due donne, Simone Veil e Nicole Fontaine, hanno ricevuto l’incarico di presiedere il Parlamento.

Tra i singoli Stati membri, Malta è il paese che ha portato più quote rosa in Europa, con 4 donne elette su 6 seggi, collocandosi tuttavia al 25 posto nella classifica generale che conta il numero di rappresentanti femminili nella propria legislatura (solo il 14,3% nel 2014).

L’Italia si colloca a metà classifica con il 38,4% di seggi rosa in UE e più del 30% alla Camera dei Deputati, al di sotto delle inarrivabili Svezia, Estonia e Austria.

I dati dimostrano quanto sia essenziale il lavoro del Gruppo di alto livello sull’uguaglianza di genere e la diversità, istituito nel 2004 in seguito alla risoluzione dei suoi membri sull’integrazione della dimensione di genere nel Parlamento Europeo.

Non solo è necessario che i singoli stati membri eleggano più parlamentari donne, ma è indispensabile la loro tutela contro la disparità di trattamento che ancora esiste nell’UE.

 

luglio 2007-luglio 2017:
10 anni di storia della nostra associazione

Dopo le vacanze estive sono in programma eventi o approfondimenti per festeggiare questo importante traguardo, alcuni riservati alle socie ed altri che avremo il piacere di condividere con tutte.

Per settembre segnaliamo la presentazione del libro di Silvia Tassarotti il giorno 27

Con l’occasione proponiamo per ogni anno di attività un buon motivo per iscriversi, ovvero 10 ottime ragioni per diventare socie ADBI

Buone notizie

Una rubrica dedicata alle buone notizie e buone prassi, dedicata alle iniziative che aiutano a conciliare vita e lavoro, che combattono i comportamenti sessisti e discriminatori. Inviate anche voi notizie scrivendo a: webmaster@adbi-online.it

Valore D Pari o dispare Rete Armida