Attacchi alle donne: un caso a noi vicino

mercoledì 22/11/2017

Testo pù grandeTesto più piccoloprint

Condividi su:

   
 
 
Attacchi alle donne: un caso a noi vicino

Abbiamo letto con sconcerto un recente articolo di basso costume su una testata on-line che irride le competenze e le qualità professionali di una nostra collega, pubblicandone anche una foto - sicuramente non  autorizzata -  senza alcun rispetto della sua privacy.
L’articolo riporta considerazioni e giudizi sommari non pertinenti all’informazione ed è solo un  pretesto per colpire e delegittimare – attraverso una donna che lavora in Vigilanza - l’operato della Banca d’Italia e della funzione di Vigilanza sulle banche.
Tuttavia, resta il fatto che una donna, che non è un personaggio pubblico, è colpita proprio perché donna e quindi per il suo colore dei capelli, perché “si impegna contro la violenza sulle donne” (sic!), assimilandola in questo nelle critiche rivolte ad un’altra donna, Ministra, per renderne esponenziale la delegittimazione.
ADBI esprime solidarietà e stima alla collega offesa nella dignità personale e professionale, e sottolinea le deprecabili modalità con cui le donne sono spesso trattate, anche quando sono oggetto di speculazioni sui media.

luglio 2007-luglio 2017:
10 anni di storia della nostra associazione

Sono in programma eventi o approfondimenti per festeggiare questo importante traguardo, alcuni riservati alle socie ed altri che avremo il piacere di condividere con tutte.

Per dicembre segnaliamo l’incontro su Donne e Fintech previsto il 12 a Milano ed il festeggiamento dei 10 anni di ADBI previsto il 15 a Roma.

Con l’occasione proponiamo per ogni anno di attività un buon motivo per iscriversi, ovvero 10 ottime ragioni per diventare socie ADBI.

Buone notizie

Una rubrica dedicata alle buone notizie e buone prassi, dedicata alle iniziative che aiutano a conciliare vita e lavoro, che combattono i comportamenti sessisti e discriminatori. Inviate anche voi notizie scrivendo a: webmaster@adbi-online.it

Valore D Pari o dispare Rete Armida